Tag: storiella

C’era una volta… “Il drago sputabolle”
C’era una volta… “Il drago sputabolle”

È l’ora di una nuova storiella, questa volta vi racconto…

Il drago sputabolle

FullSizeRender 3
C’era una volta il drago più triste di tutti i draghi.
Sapete che i draghi sputano fuoco? Ma sì che lo sapete! Quel drago invece non era capace (ecco perché era così triste). Soffiava soffiava soffiava e soffiava di più… niente, dalla bocca non gli usciva neanche una fiammellina piccina piccina.
Il suo amico volpone un giorno gli disse: -Senti drago, basta piangere, adesso ti porto dalla maga Mela che ti aiuterà con la magia.
E così andarono dalla maga Mela.
Parlò volpone: -Maga Mela, aiuti il mio amico a sputare fiammone?
-Facilissimo!- disse la maga Mela –aspettate che prepari la pozione nel mio grande pentolone.
Salvia, malva e dragoncelloFullSizeRender 4
Un po’ di questo e un po’ di quello
Timo, alloro e rosmarino
E un pizzico di sale fino!
Mescolò mescolò mescolò e finalmente la pozione fu pronta.
-Ecco qua. Bevi drago!
E il drago bevve.
Glu glu glu glu glu glu.
Dopo che ebbe bevuto gli venne voglia di soffiare e allora soffiò. E, attenti attenti, cosa uscì dalla sua bocca? Fuoco? Fiamme? Scintille? No. Bolle di sapone!
Volpone scoppiò a ridere.
La maga Mela disse: -Ops!
Il drago invece pianse. E più piangeva più le bolle uscivano grosse. Bolle grandi. Bolle grandissime. Bolle giganti. Talmente giganti che il drago ci finì dentro. E anche volpone. E anche la maga Mela.
E poi? Sentite questa: le bolle, come fanno tutte le bolle, volarono su, fino al cielo, ancora più su, fino alle nuvole, ancora più su, fino all’arcobaleno. E allora… PLOP! scoppiarono. E quei tre finirono proprio sopra l’arcobaleno.
Era bellissimo! Morbido come un cuscino e pieno di colori. Volpone fece le capriole sul giallo. Il drago saltellò sul rosso. La maga mela si rotolò sull’arancio. E tutti e tre si riposarono sul blu.
Quando venne la sera, l’arcobaleno diventò uno scivolo lunghissimo. Volpone, il drago e la maga Mela si presero per mano e scivolarono giù, fino a casa.
Che giornata strabiliameravigliosa! Era ancora triste il drago? Ma no! Era contento come una Pasqua, il drago più contento di tutti i draghi!

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "ACCETTO" permetti il loro utilizzo. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "ACCETTO" permetti il loro utilizzo. Maggiori informazioni su consulta la Cookie policy

Chiudi